Farmaceutico e Biomedicale  |  IP  |  Lavoro  |  Penale  |  Real Estate  |  Ristrutturazioni  |  TAX  |  TMT
clicca per accedere alle classifiche

Consulenza M&A

Decano
Fascia 1
Fascia 2
Fascia 3

Contenzioso

Istruttorie Nazionali e Comunitarie

Decano
Fascia 1
Fascia 2
Fascia 3
SCENARIO 

Competition

le specializzazioni
Consulenza M&A / Contenzioso / Istruttorie Nazionali e Comunitarie
SULLA SOGLIA: ANTITRUST IN CRISI

Le modifiche al quadro normativo e le nuove attribuzioni dell’Agcm hanno fatto mutare il settore. All’orizzonte nascono nuove specializzazioni sempre più legate al contenzioso e che guardano Bruxelles

 

In Italia la pratica di competition è in lento ma significativo declino causa la consistente perdita di prestigio della no­stra Autorità che apre sempre meno casi, sempre meno sofisticati, con sanzioni sempre minori e molto spesso riformati dalle Corti. Basta sfogliare il bollettino settimanale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ( Agcm) per rendersi conto di quanto il mercato Italiano dei servizi legali sia profonda­mente mutato negli ultimi anni soprattutto con l’arrivo della crisi economica.Oltre al lento e costante declino delle opera­zioni di M& a in Italia, dal 2011 si è assistito ad una drastica riduzione del numero dei procedi­menti istruttori avviati dall’Agcm. Al proliferare di nuovi ed erratici poteri attribuiti all’Autorità, dal controllo sul rating di legalità delle imprese alle pratiche commerciali scorrette, fino alla vi­gilanza sui provvedimenti amministrativi, non è giunto un incremento di risorse.

In più, dal gennaio 2013, la modifica della nor­ma sulle soglie di fatturato ha limitato l’obbligo di notifica alle sole operazioni che soddisfino en­trambe le soglie di fatturato previste dalla legge (n. 287/90), e ha prodotto una contrazione signi­ficativa dell’intervento dell’Autorità nel campo antitrust, con il conseguente crollo delle notifiche delle concentrazioni ridottesi a circa un decimo.

Tuttavia, le modifiche al quadro normati­vo, in particolare con il decreto Cresci Italia, nonché le nuove attribuzioni dell’Agcm, han­no offerto nuove opportunità. Da una parte, aumenta la consapevolezza delle associazioni a tutela dei consumatori e degli strumenti di tutela sempre più ampi offerti dall’ordinamen­to (come la normativa sulla class action) por­tando a un incremento dell’assistenza legale. Dall’altra, la nuova presidenza dell’Agcm sem­bra aver dato nuovo impulso alla conduzione di istruttorie antitrust riguardanti intese anti­concorrenziali ed abusi di posizione dominan­te. Sotto questo profilo, negli ultimi tempi, si registra anche in Italia una crescita del con­tenzioso civile avente come oggetto le doman­de di risarcimento danni conseguenti a illeciti anticoncorrenziali o a violazioni del Codice del consumo. Si tratta di un profilo di attività, sino ad ora poco sviluppato nel nostro Paese, che potrà assumere un significativo rilievo per gli avvocati antitrust.

Da ultimo, si osserva un lento e costante aumento anche in Italia del contenzioso ri­sarcitorio e d’urgenza, specie con riferimento a quei paesi che trovandosi in rapida crescita economica si sono recentemente dotati di legi­slazioni concorrenziali (abusi di posizione do­minante o concorrenza sleale). Lo sviluppo del contenzioso civile, dovuto anche al continuo sforzo della Commissione europea, rappresen­ta un trend verso il cambiamento che richiede una maggior interdisciplinarità dei professio­nisti, inclusa una maggiore conoscenza della procedura civile e può rappresentare una gran­de opportunità per alcuni studi. 

 

Antitrust in sovrappeso 

Le modifiche delle soglie di fatturato hanno col­pito soprattutto gli studi più strutturati e con squadre di competition numerose nati sulle no­tifiche delle grandi operazioni. Quelle che basa­vano la loro attività sulle procedure standard in risposta alle notifiche dell’Antitrust, così come le consulenze ordinarie, rischiano di vedersi nel breve periodo pesantemente ridimensionati. Ol­tre a trovarsi improvvisamente in sovrappeso, i dipartimenti di competition subiscono la con­correnza interna da parte dei contenziosisti che gestiscono i casi sempre più autonomamente, grazie anche alla scelta dei clienti a favore del loro maggior coinvolgimento nella gestione del caso e nelle strategie difensive.

In ragione della complessiva crisi economica nazionale e comunitaria, si è vista una consi­stente riduzione nei servizi legali di assistenza per operazioni di concentrazione, proporzionale alla riduzione del mercato dell’M& a. Mentre le ulteriori competenze di cui l’Agcm è stata di re­cente investita sembrano avere un rilievo non tale da dare nuova forza al mercato legale legato alla tutela della concorrenza. Data la stagnazione, il mercato potrebbe apparire immobile; in realtà, si riscontra una sempre più frequente richiesta, da parte dei clienti italiani che operano in più paesi, di una consulenza delle regole europee in mate­ria di diritto della concorrenza. Ne hanno tratto vantaggio le practice antitrust nazionali che si af­fiancano a quelle delle sedi di Bruxelles.

Accanto alla capacità di essere ascoltati presso l’Agcm e la Commissione Europea, la clientela ma­nifesta sempre più una preferenza verso consulenti legali in grado di comprendere le problematiche e le peculiarità del mercato – il campo energetico, per esempio – nel quale sono chiamati ad operare. Questo si è tradotto in un approccio più articola­to e concentrato sulle questioni ad alto valore ag­giunto, come la tematica degli aiuti di Stato.

Negli ultimi 18 mesi si registra una sostan­ziale stabilità nei passaggi laterali di soci, ma il settore competition ha visto una serie di importanti spostamenti o la costituzione di nuove realtà. Tra queste, l’uscita di Andrea De Matteis da Labruna Mazziotti Segni e socio­fondatore dell’omonimo studio. Hanno com­piuto analogo percorso Rino Caiazzo, uscito da Grimaldi per unirsi come name partner a Caiazzo Donnini Pappalardo, e Gennaro d'Andria, proveniente da Eversheds Bianchi­ni e socio fondatore di Dandria. Tra i lateral più rilevanti dell’ultimo periodo, quello di Cristoforo Osti, passato da Clifford Chance a Chiomenti. Mentre Clifford Chance ha col­mato l’uscita di Osti con l’arrivo di Luciano Di Via, uscito da Bonelli Erede Pappalardo. Un altro studio internazionale che ha visto cam­biare il partner di riferimento è Linklaters, che ha sostituito Andrea Zulli, finito in Norton Rose con l’of counsel Lucio D'Amario prove­niente da Allen & Overy. Mentre alla guida del suo dipartimento, Eversheds Bianchini ha so­stituito D’Andria con Alessandro Greco, arri­vato da Freshfields Bruckhaus Deringer. Tra gli studi più rafforzati in questi anni, va segnalato Ashurst che ha visto confluire nel suo team due soci di riferimento: Domenico Gullo da Nctm e Denis Fosselard da Legance

 

I casi discussi: Bayer, Telecom e Alitalia 
Tra i casi recenti, spicca la sentenza del Tar del Lazio e il conseguente annullamento del­la multa inflitta a Bayer CropScience, assistito da Vito Auricchio di Legance, per presunta posizione dominante nel mercato della pro­duzione e commercializzazione di fungicidi. Il caso, ritenuto pioneristico dal mercato, ha fat­to eco in tutta Europa. Altrettanto attenzione ha suscitato la sanzione, di oltre 100 milioni di euro, a Telecom per posizione dominante sull’infrastruttura di rete che ha visto come protagonisti Mario Siragusa di Cleary Gottlieb Steen & Hamilton ( difensore di Telecom) e Rino Caiazzo di Caiazzo Donnini Pappalardo ( Bt Italia e Colt Technology). Infine, ha visto protagonista il team di Gennaro D’Andria per conto di EasyJet nella decisione di decretare la fine del monopolio di Alitalia sulla rotta Li­nate­Fiumicino, una decisione che influirà nei prossimi anni sul mercato del trasporto aero­nautico italiano.

 

L'indagine integrale sul Competition pubblicata da TopLegal Review (marzo 2014) è disponibile qui

Competition
Allen & Overy
LO STUDIO: un team «sopra la media», fornisce consulenza strategica sull’ottenimento dell’autorizzazione di complesse operazioni di concentrazione, fusioni e acquisizioni. Fra le molte operazioni seguite si segnala l’assistenza a Tokai Rubber Industries, società leader nel settore della progettazione, nella valutazione degli aspetti antitrust relativi alla acquisizione del 100% del capitale di Dytech. 

I PROFESSIONISTI: Silvia D'Alberti si è costruita una solida reputazione tra gli assistiti. «Precisione, orientamento al cliente e professionalità» sono i suoi punti di forza. Ha seguito con successo Saima Avandero, società attiva nel settore della logistica, nell’istruttoria avviata dall’Agcm per un presunto illecito anticoncorrenziale nel mercato dei servizi di spedizione.
Ashurst
LO STUDIO: «ottima organizzazione e profilo internazionale». Riceve una vasta gamma di apprezzamenti in relazione a tematiche antitrust connesse al settore idrocarburi. 

I PROFESSIONISTI: responsabile del dipartimento italiano di antitrust e comunitario, Domenico Gullo «garantisce tempestività e precisione nell’assistenza». Ha assistito la Commissione Europea in numerosi procedimenti dinanzi alle corti dell’Unione Europea. Denis Fosselard è quotato per le istruttorie antitrust nazionali e internazionali.
Baker McKenzie
LO STUDIO: segnalato per il «taglio pratico», gode di una valida reputazione nel campo antitrust. Ha assistito il gruppo Emerson in relazione ad una serie di notifiche di operazioni di concentrazione. 

I PROFESSIONISTI: dal mercato arrivano giudizi po­sitivi per Andrea Cicala, ammirato per la «concretezza e la precisione» nel formulare pareri in tema di concorrenza nei settori energia e farmaceutico. Si segnala inoltre Gaetano Iorio Fiorelli per la preparazione nel contenzioso. 
Bird & Bird
LO STUDIO: «efficienti e in grado di fornire chiare valutazioni». Può vantare clienti blasonati come IBM Italia, assistita in materia di procedura per l’ottenimento di licenze per l’attività di telecomunicazioni. 

I PROFESSIONISTI: Salvatore Lamarca è apprezzato dai clienti per «capacità e rapidità» nel fornire consulenze. Tra le operazioni più rilevanti ha offerto consulenza a Eurocopter in materia di comunicazioni di operazioni di concentrazione all’Agcm.
BonelliErede
LO STUDIO: il dipartimento conta ben 15 professionisti e attrae importanti mandati grazie al traino della practice corporate. Servizio «estremamente personalizzato, accurato ed efficiente», sostiene un cliente. È stato impegnato nelle attività stragiudiziali e istruttorie nazionali e comunitarie a favori di clienti come Salini Costruttori, Luxottica, Unilever Italy, Tnt-Italia, Banca Nazionale del Lavoro e Telecom Italia. 

I PROFESSIONISTI: Aurelio Pappalardo è riconosciuto come «un decano» nel diritto comunitario. Si segnala Claudio Tesauro, nome apprezzato nell’ambito dell’antitrust nazionale, per l’assistenza al gruppo Salini nell’archiviazione dell’istruttoria Agcm. Massimo Merola è ritenuto dai colleghi una «vera autorità» per competenza sui cartelli a livello internazionale. È stato consulente per gli aspetti antitrust della maxi-fusione Atlantia/Gemina. 
Carnelutti
LO STUDIO: conta quattro professionisti e opera nel campo delle consulenze e istruttorie nazionali per conto di importanti aziende straniere presenti in Italia. I punti di forza sono «rapidità» e «competenza». 

I PROFESSIONISTI: Carlo Emanuele Rossi è specializzato nei profili antitrust che riguardano operazioni di M&a realizzate da primari fondi italiani. I clienti ammirano la velocità di reazione unita alla capacità di arrivare «dritto al punto».
Chiomenti
LO STUDIO: in crescita nel contesto nazionale e internazionale con l’arrivo di Cristoforo Osti da Clifford Chance. La struttura affronta problematiche stragiudiziali legate al lavoro svolto dal dipartimento di M&a. Tra i clienti si segnalano Pfizer Italia, Clessidra e Doosan Heavy Industries & constructions.

I PROFESSIONISTI: apprezzato per la trasparenza, Cristoforo Osti «si colloca su livelli di eccellenza» secondo un competitor. Ha difeso Buzzi Unicem dinanzi al tribunale dell’Unione Europea per l’impugnazione di una decisione della Commissione relativa ad una richiesta di informazioni. Numerosi consensi dalla controparte per l’impegno di Stefania Bariatti che ha assistito Moby nella procedura di aiuti di Stato avviata dalla Commissione Europea. 
Cleary Gottlieb Steen & Hamilton
LO STUDIO: ha fatto del dipartimento il cuore pulsante dello studio. La squadra opera su massimi livelli in tutti gli ambiti dell’Antitrust, assistendo blasonate società nazionali e internazionali. «Altissima professionalità, attenzione alle esigenze del cliente, flessibilità, e capacità di trovare soluzioni innovative e di successo», afferma una nota azienda del settore farmaceutico. Ha curato i profili antitrust di clienti come Eni, Telecom, Ferrovie dello stato e Barilla. 

I PROFESSIONISTI: tutti i riflettori sono puntati su Mario Siragusa. L’avvocato che molti colleghi ritengono «un maestro», viene identificato da tutti gli intervistati per la massima espressione della conoscenza dell’Antitrust. Ha seguito Eni nel procedimento dinanzi alla Commissione europea per un presunto abuso di posizione dominante. L’approccio orientato alla qualità e la cura delle operazioni fanno di Marco D'Ostuni, un altro apprezzato attore. In forte ascesa Matteo Beretta, esperto in contenziosi amministrativi, istruttorie nazionali e comunitarie e considerato dai colleghi l’«uomo sul campo». Ha assistito Barilla nell’ambito di un’indagine avviata dall’Agcm nei confronti di alcuni produttori di pasta per una presunta intesa volta ad aumentare il prezzo della pasta nel mercato italiano. Giulio Cesare Rizza («intelligente e preparato») ha difeso Ferrovie dello Stato in relazione ad un procedimento concernente un presunto abuso di posizione dominante. Si segnala per competenze e capacità anche Pietro Merlino
 
Clifford Chance
LO STUDIO: nonostante la fase di riorganizzazione, riceve una vasta gamma di apprezzamenti per la predisposizione al lato business e per le consulenza nel campo internazionale e comunitario. La struttura organizzativa e la professionalità rimarcano un brand che per molti osservatori è sinonimo di garanzia. Ha assistito Alliance One International, Mindo and Transcatab dinanzi alla Corte di Giustizia Europea nell’appello contro la decisione della commissione Europea nel caso del presunto cartello italiano del tabacco. 

I PROFESSIONISTI:
i clienti ammirano Luciano Di Via per la capacità in campo nazionale e internazionale grazie alla sua elevata esperienza. Ha assistito per gli aspetti di antitrust Telefonica in relazione alla sua partecipazione in Telco/ Telecom Italia e dei relativi accordi di consorzio con Generali, Intesa e Mediobanca. 
CMS
LO STUDIO: conta nove professionisti, noti in Italia nell’ambito delle consulenze in tema di concorrenza nel settore autotrasporti. Ha assistito Anav di fronte al Tar per una questione relativa agli aiuti di stato per il settore dei trasporti pubblici. 

I PROFESSIONISTI: Paolo Scarduelli, largamente apprezzato dal mercato, «coglie le problematiche Antitrust e propone soluzioni concrete e di facile applicazione». Ha assistito Porsche Italia per il merger filing relativo all’acquisizione da parte di Porsche Italia di Nardò Technical Center.
Dandria
LO STUDIO: conta tre professionisti e segue clienti italiani e stranieri prevalentemente nei settori del trasporto e della grande distribuzione. Secondo una società leader nel settore dei prodotti di pulizia il team garantisce «ottime capacità nel formulare le risposte». 

I PROFESSIONISTI: la sua conoscenza della struttura operativa delle società clienti rappresenta il punto di forza che rende Gennaro d'Andria«insostituibile» nel campo antitrust. Ha assistito EasyJet nell’ingresso sulla Linate-Fiumicino, rompendo il monopolio di Alitalia sulla principale rotta business in Italia.
De Berti Jacchia Franchini Forlani
LO STUDIO: «forte nel competition e nelle violazione dei regolamenti», secondo i colleghi. Assiste regolarmente importanti aziende straniere che operano nei settori farmaceutico, veicoli industriali e abbigliamento. 

I PROFESSIONISTI: Irene Picciano, si ritaglia giudizi positivi nel campo delle consoluenze lato corporate.
Eversheds Sutherland
LO STUDIO: «cresciuto tantissimo negli ultimi anni», i quattro professionisti si distinguono per la «conoscenza approfondita» nella regolazione del settore energetico e nella «prontezza e concretezza delle risposte». 

I PROFESSIONISTI: la squadra riscuote successo grazie al suo socio di riferimento, Alessandro Greco, attivo sul fronte Energy. Secondo un noto operatore del settore, Greco dimostra un «approccio multidisciplinare» e una «larga esperienza» della prassi decisionale dell’Agcm. 
Freshfields Bruckhaus Deringer
LO STUDIO: «per l’Energia pura, è un team ben collaudato». Conta 13 professionisti, tra i più gettonati dal mercato e può vantare operazioni di alto profilo nel settore. Tra le operazioni più significative, si segnala l’assistenza al fondo Cinven e ad Avio nella complessa istruttoria della Commissione Europea in relazione all’acquisizione di Avio da parte di General Electric. 

I PROFESSIONISTI: punto di riferimento dello studio, Tommaso Salonico viene premiato dai clienti e riconosciuto dal mercato. Ha assistito Allianz nell’indagine avviata dall’Agcm nei confronti del cliente e di altre sette compagnie assicurative con riferimento all’asserita esclusività di fatto dei mandati conferiti agli agenti nel settore assicurazione danni (in particolare RC auto). Segnalato a più riprese anche il partner Gian Luca Zampa, in grado, secondo un noto operatore nel mondo della finanza, di garantire un «livello qualitativo e supporto eccellente» in materia di concorrenza in Italia.
Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners
LO STUDIO: con 17 professionisti, riceve una vasta gamma di apprezzamenti per l’attività nelle consulenze relative ad operazioni di concentrazione. I clienti ne elogiano flessibilità e competenza su tematiche che riguardano la regolamentazione del settore energetico e trasporti. Ha difeso Eni nella causa avviata da Alitalia per maggiorazioni di prezzo nelle forniture di carburante per gli aerei 

I PROFESSIONISTI: Piero Fattori si conquista la fiducia dei propri assistiti per la flessibilità rispetto alle diverse esigenze e tematiche su cui è stato coinvolto. Ha assistito con successo Trenitalia in una class action promossa dal Codacons davanti al Tribunale di Bologna in relazione a presunte violazioni contrattuali nel trasporto ferroviario. «Tra i migliori», Alberto Pera raccoglie consensi dai competitor per il focus in ambito istruttorie nazionali. Ha seguito Impregilo nell’istruttoria avviata dall’Agcm per verificare eventuali effetti restrittivi dell’accordo strategico siglato tra Salini Costruttori e Impregilo per la parteci­pazione alle gare sulle grandi opere. 
Grimaldi
LO STUDIO: conta 13 professionisti e lavora a stretto contatto con il dipartimento di Corporate/M&a. Una squadra «estremamente organizzata» che gira intorno al suo unico socio. Lo studio è stato l’advisor selezionato dalla Commissione Europea per effettuare uno studio sui poteri esecutivi e le regole procedurali previsti dal Regolamento 2006/ 2004/CE in materia di tutela dei consumatori.

I PROFESSIONISTI: «coordinatore eccellente», si apprezza il nome di Francesco Sciaudone per l’«acuta esperienza» nel campo antitrust. Ha assistito Finmeccanica nelle procedure antitrust necessarie ad autorizzare l’operazione di vendita di Ansaldo Energia.
Hogan Lovells
LO STUDIO: raccoglie apprezzamenti nel campo nel settore della grande distribuzione organizzata. Noto alle massime istituzioni di settore per «affidabilità, serietà e trasparenza», assiste costantemente il gruppo Auchan per la concorrenza e le problemantiche antitrust per tutto ciò che concerne la distribuzione di prodotti in Italia. 

I PROFESSIONISTI: importanti clienti internazionali ammirano il responsabile del team antitrust Gianluca Belotti per la «velocità di risposta e la capacità di evitare contenziosi». Ha assistito Mitsubishi Corporation e Innovation Network Corporation of Japan per le questioni di concorrenza relative all’acquisizione dell’85% del capitale sociale di Solar Holding, società attiva nel settore fotovoltaico in Italia. I concorrenti considerano Sacha D'Ecclesiis «preparato e serio».  
  
Legance
LO STUDIO: «buon senso e vena commerciale» sono tra le virtù indicate da una nota società farmaceutica. I clienti apprezzano anche il ruolo in prima linea dei soci di riferimento. Tra i clienti seguiti, si segnalano Rete Ferroviaria Italiana, Fullgas Italgas e Henkel Italia. 

I PROFESSIONISTI: Vito Auricchio è considerato «la guida» del team. I competitor gli riconoscono un insieme articolato di «brillanti» specializzazioni in ambito antitrust.
Ha assistito Bayer nel contenzioso dinanzi al Consiglio di Stato avente ad oggetto una sentenza del Tar Lazio relativa ad un procedimento dell’Agcm per abuso di posizione dominante nel mercato dei fungicidi. Silvano Enne si qualifica per l’esperienza nel contenzioso.
Linklaters
LO STUDIO: riceve apprezzamenti da controparti e concorrenti nelle consulenze stragiudiziale in relazione al controllo delle concentrazioni. Ha assistito Nestlé nella notifica all’Agcm dell’acquisizione del controllo esclusivo del business di Pfizer Nutrition ri­guardante prodotti multivitaminici. 

I PROFESSIONISTI: «opera con risultato» Lucio D'Amario, responsabile del dipartimento Antitrust. Ha assistito con riferimento ai profili antitrust Seat Pagine Gialle nella ristrutturazione dell’indebitamento finanziario di circa 2,7 miliardi di euro.
Luca Santa Maria & associati
LO STUDIO: il vero motore del dipartimento sono gli arbitrati e l’assistenza in materia di aiuti di Stato. Il team che conta sei professionisti è considerato dai competitor «un brand di notevole importanza». Ha assistito il Gruppo Iper su tematiche antitrust e controllo delle concentrazioni.

I PROFESSIONISTI: consenso unanime dei competitor per l’eccellenza di Alberto Santa Maria il quale, con la sua pluriennale esperienza, riceve una vasto riconoscimento presso le istituzioni europee. Edoardo Gambaro dimostra «autorevolezza e competente», e viene segnalato dai colleghi per l’elevato numero di operazioni seguite. Ha assistito Snia e Caffaro dinanzi al Tribunale UE e nel corso del procedimento amministrativo della Commissione. 
Macchi di Cellere Gangemi
LO STUDIO: conta cinque professionisti impegnati prevalentemente in casi di pratiche commerciali scorrette a livello nazionale e internazionale. Il team è «giovane, efficiente, competente nella materia e flessibile», secondo una multinazionale del settore It. 

I PROFESSIONISTI: grazie all’«elevata competenza e visione strategica», Simone Gambuto rappresenta il valore aggiunto dello studio. Tra le operazioni più significative, si segnala l’assistenza a Ryanair nel caso riguardante la fine del monopolio Alitalia sulla rotta Fiumicino–Milano Linate. 
McDermott Will & Emery
LO STUDIO: «altamente qualificato», il team è apprezzato anche a livello istituzionale per i casi relativi a presunti cartelli dinanzi all’Agcm. Tra i clienti si segnalano Cassa Depositi e Prestiti, Eni, Heineken Italia, Intersnack Group GmbH, Novartis Vaccines & Diagnostics, Nvidia e Warner Bros. 

I PROFESSIONISTI: «ottima offerta per il mercato», il capo del dipartimento Veronica Pinotti, sfoggia una specializzazione «eccellente» della giurisprudenza in materia.
Nctm
LO STUDIO: i concorrenti stimano la copertura internazionale mentre i clienti segnalano la capacità di trattare casi particolari a livello di regolamentazione comunitaria. Ha assistito Eurofer, l’associazione europea della siderurgia, nel ricorso presentato alla Commissione Europea che imputava alla Cina il sovvenzionamento illegale alla produzione di acciaio zincato preverniciato. 

I PROFESSIONISTI: «attivo e preparato», Alberto Toffoletto guadagna apprezzamenti dalle controparti per sapersi destreggiare nelle attività di M&a quando sorgono problematiche con l’Agcm. Ha seguito Investitori Associati Sgr nell’istruttoria di cartello relativa alle navi passeggeri di linea per la Sardegna avviata dall’Autorità Antitrust italiana. In ambito stragiudiziale viene segnalato a più riprese anche Luca Toffoletti, professionista ritenuto in ascesa.
Norton Rose Fulbright
LO STUDIO: «la rivelazione degli ultimi anni», viene segnalato da clienti terzi come «ben organizzato e strutturato». 

I PROFESSIONISTI: Andrea Zulli («brillante ») guida il giovane dipartimento. Gli osservatori del mercato sottolineano la «grande serietà e affidabilità» nel campo antitrust. Ha assistito il gruppo Generali nella vendita a Cattolica Assicurazioni di Fata Assicurazioni Danni per 179 milioni di euro.
Pavia e Ansaldo
LO STUDIO: le operazioni di medio mercato in procedure Antitrust avviate dall’Agcm sono il suo campo di battaglia. Secondo un cliente terzo, il team offre una «qualità ad un prezzo competitivo». 

I PROFESSIONISTI: la forza della squadra risiede nel partner di riferimento Stefano Grassani i cui punti di forza sono l’approccio capillare e metodico. Ha assistito con successo Assogenerici nel procedimento avanti il Consiglio di Stato contro Pfizer Italia, ritenuta responsabile di abuso di posizione dominante. 
Pedersoli e Associati
LO STUDIO: segnalato l’«elevato livello di competenza e capacità», viene premiato dai clienti per il «rigore» con cui segue le operazioni. Ha assistito IW Bank in relazione a un procedimento dinanzi all’Agcm per una presunta violazione del Codice del Consumo legata alle tempistiche di chiusura dei conti correnti. 

I PROFESSIONISTI: una società operante nel settore energetico esalta le qualità di Davide Cacchioli nell’aiutare il cliente ad inquadrare e schematizzare la problematica in modo da fornire risposte chiare all’Autorità». Approvazione su ogni fronte dell’antitrust anche per Lisa Noja, lodata da un noto istituto bancario per l’«estrema precisione e competenza».
Rucellai & Raffaelli
LO STUDIO: «boutique attrezzata nel contenzioso», sostiene un competitor, mentre il mercato ne segnala «l’indiscutibile competenza». Tratta importanti società italiane e straniere come Enel e London Stock Exchange group.

I PROFESSIONISTI: Enrico Adriano Raffaelli è il riferimento dello studio e si è costruito una reputazione tra gli assistiti come «brillante litigator». 
Simmons & Simmons
LO STUDIO: «veloci, professionali, competenti e proattivi» secondo una multinazionale del settore petrolifero. Segue prestigiosi clienti domestici e internazionali e riceve una vasta gamma di apprezzamenti per l’attività giudiziale. Ha assistito Libero, società che gestisce l’omonimo portale italiano, nella notifica antitrust relativa all’acquisizione di Matrix, per un corrispettivo di 88 milioni di euro, da parte di Telecom Italia. 

I PROFESSIONISTI: Tutti i riflettori sono puntati su Filippo Fioretti. I commenti rilasciati dagli intervistati mettono in luce la sua specializzazione nel contenzioso antitrust. Ha assistito Dell in una procedura davanti l'Autorità Antitrust conclusasi con successo.
Tonucci & Partners
LO STUDIO: il team di 11 professionisti è centrato sulle attività stragiudiziali e si distingue per la capacità organizzativa». Si segnala anche la specializzazione in ambito antitrust nei paesi dell’Est-Europa. Fincantieri Cantieri Navali, Infront Sports & Media, Aeroporti di Roma e Europcar Italia sono alcuni dei clienti assistiti. 

I PROFESSIONISTI: con un’«ottima memoria difensiva e conoscenza perfetta del contesto» Giorgio Alù risulta, a giudizio delle controparti, tra i più competenti in contenziosi internazionali, in particolar modo per casi con le autorità albanesi. Tra questi, si segnala l’assistenza in favore di Eurotech Cement, subsidiary albanese del gruppo Italcementi, nell’istruttoria avviata dall’Autorità di tutela della concorrenza della Repubblica di Albania, al fine di accertare la sussistenza di una pratica concordata relativa alla fissazione del prezzo del cemento con i produttori locali. Per le capacità operative viene segnalata anche la giovane associate Maria Teresa Basile.