venerdì 24 febbraio 2017
cerca aziende studi professionisti
Investire sull'etica trasversale
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
02 mar 2016
Snam

Investire sull'etica trasversale

Il general counsel Marco Reggiani racconta la genesi di un progetto che vincola tutti i fornitori del gruppo alla stipula di un patto di integrità

Quando c'è di mezzo la prevenzione del fenomeno criminale, attenersi a quanto previsto dalla legge non sempre è sufficiente. Biso­gna spostare l’asticella un po’ più in alto. È questa la lezione che ha messo in evidenza il commissaria­mento di Italgas. L’azienda, controllata al 100% da Snam, è stata messa sotto “tutela” dal Tribunale di Palermo ai sensi del Codice antimafia, per verificare possibili infiltrazioni della criminalità organizzata.

A distanza di un anno dall’inizio del provvedi­mento, nel luglio 2015, l’amministrazione giudi­ziaria è stata revocata. Italgas è stata totalmente riconsegnata, nulla è stato confiscato, non c’è stata evidenza di alcun avviso di garanzia né tantomeno di licenziamenti di persone dell’azienda. Ma, al di là del risultato finale positivo, Snam – il cui principale azionista è Cassa Depositi e Prestiti (attraverso Cdp Reti) – ha subìto un danno reputazionale ed economico significativo. Un danno che, ai margini dell’accaduto, è stato quantificato agli analisti dal suo stesso amministratore delegato, Carlo Malacar­ne. Durante la presentazione della relazione seme­strale, a distanza di appena quindici giorni dalla fine del commissariamento, l’Ad ha parlato di un impat­to in termini di costi operativi corrispondente a una cifra tra i 6 e i 10 milioni di euro. È così che, «a cau­sa di sospetti riguardanti un fornitore della società, che nel parco fornitori di Snam vale circa lo 0,16%, l’intero gruppo ne ha pagato lo scotto», commenta con una punta d’amarezza Marco Reggiani, general counsel di Snam e presidente di Italgas. Aggiungen­do che «è di primaria importanza fare in modo che il fatto non si ripeta».

La Direzione affari legali, societari e compliance guidata da Reggiani in seguito al commissariamen­to di Italgas ha coordinato una serie di attività di verifica e miglioramento delle procedure di grup­po. Non solo per tutelare la società, ma soprattutto per creare una best practice che potesse durare nel tempo ed essere interiorizzata e conosciuta da tutti i soggetti che si relazionano col gruppo.

La posizione di Reggiani in merito è chiara: «L’e­tica di un’azienda è sì al suo interno, ma si riflette anche attraverso la condotta dei suoi stakeholder. Se l’azienda è etica ma non lo è un fornitore, a ri­metterci è l’immagine e la reputazione di Snam. Bi­sogna, quindi, far sì che la trasparenza sia un asset trasversale a tutta la supply chain». Per raggiungere l’obiettivo, la direzione legale ha indirizzato il rapporto con i fornitori su un valore sempre più con­diviso e rilevante nell’ottica di un buon governo aziendale, quello dell’etica. A tal fine, ogni fornitore per poter avere rapporti commerciali con il grup­po deve firmare un documento denominato “pat­to etico e di integrità”, in cui si impegna a confor­mare i propri comportamenti ai principi di lealtà, trasparenza e correttezza, a rispettare e mantenere nel tempo i principi previsti nel codice etico e a di­chiarare tra l’altro eventuali pendenze processuali. Il sistema dovrebbe così tutelare l’integrità della supply chain e, in prospettiva, l’azienda stessa: al fornitore che non rispetta gli standard concordati, infatti, Snam può, sempre nel rispetto del principio di contradditorio tra le parti, mettere sotto osserva­zione, limitare, sospendere o addirittura revocare la qualifica. 

Il nuovo progetto di gestione 
Il patto etico e d’integrità rappresenta l’elemento culminante di un lavoro ben più articolato. A par­tire da un’analisi reputazionale massiva effettuata a tappeto sull’intero parco fornitori sulla base di fon­ti informative pubblicamente disponibili, il lavoro ha condotto alla creazione di un’imponente banca dati e di processi più efficaci per l’individuazione e la valutazione di informazioni rilevanti attinenti i fornitori, nonché per la determinazione di adeguate misure di tutela per la società.

Avvalendosi dell’assistenza di Transparency International Italia e della divisione Forensic di Deloitte Financial Advisory, specializzata in atti­vità di business intelligence e di internal control sy­stem, è stata avviata un’analisi reputazionale estesa a tutte le fasi rilevanti del processo di procurement: qualifica, aggiudicazione e gestione contrattuale dei fornitori, nonché autorizzazione dei subappalti e gestione contrattuale dei subappaltatori. Il control­lo, finalizzato a verificare se le singole controparti fossero in possesso dei necessari requisiti reputa­zionali per poter essere accreditati a operare con Snam, è stato esteso a oltre 2.000 controparti. Ai margini di questa analisi è stata creata una banca dati reputazionale, integrata con i sistemi informa­tici del gruppo e oggetto di un’attività periodica di aggiornamento, sia attraverso fonti interne – rac­colte nell’ambito degli accertamenti di natura etica condotti da Snam sui propri fornitori – sia attra­verso le informazioni collettate da fonti aperte quali organi di stampa, siti internet, social network e ban­che dati specializzate nella gestione di informazioni rilevanti ai fini reputazionali.

«Il progetto va oltre la piena compliance alla normativa di riferimento vigente in capo alla sta­zione appaltante prevista dal Codice appalti e dal Codice antimafia», precisa Reggiani per sottoline­are la volontà del gruppo di adottare un approccio proattivo che sia in grado di minimizzare i rischi – non solo reputazionali – per l’azienda. Non è un caso che nel corso delle analisi condotte sia capitato di individuare casi in cui la legge fosse sì rispettata, ma da fonti aperte risultasse comunque il coinvolgi­mento in indagini o procedimenti penali di società appartenenti non solo al parco fornitori, ma anche di controparti con le quali il gruppo intrattiene rap­porti commerciali. Ai margini delle attività sono emersi 422 segnali di allarme che hanno dato origi­ne, nel rispetto del principio del contraddittorio tra le parti, a circa 70 provvedimenti che hanno avuto impatto sulla qualifica o sui contratti. Nei casi peg­giori sono stati revocati alcuni contratti in essere e in due casi la revoca è finita al Tar, che finora ha dato ragione a Snam.

«Come imprenditore Snam ha deciso di met­tere a punto un sistema che in maniera inconfu­tabile dimostri un reale impegno da parte dell’a­zienda alla costruzione di rapporti trasparenti con tutte le realtà con cui si relaziona come fornitori», conclude Reggiani. Un progetto ambizioso, all’a­vanguardia tra gli strumenti utilizzati in Italia per assicurare la legalità della vita imprenditoriale, che potrebbe costituire un benchmark per altre stazio­ni appaltanti.
tags: Cassa Depositi e PrestitiSnamMarco ReggianiItalgas
CLICCA PER CONDIVIDERE
eventi
Acquisizioni societarie: key points

Milano

martedì 28 febbraio
Acquisizioni societarie: key points
Séminaire PI 2017 Directeur Propriété Industrielle: Stratège ou Hyper-technicien?

Parigi

giovedì 16 marzo
Séminaire PI 2017 Directeur Propriété Industrielle: Stratège ou Hyper-technicien?
In partenza l’Executive Programme in Management della Compliance

Roma

lunedì 17 aprile
In partenza l’Executive Programme in Management della Compliance
Unitary Patent / Unified Patent Court 2017

Monaco di Baviera

mercoledì 05 luglio
Unitary Patent / Unified Patent Court 2017
Intellectual Property Summit 2017

Bruxelles

giovedì 07 dicembre
Intellectual Property Summit 2017


http://www.toplegal.it/view_london.aspx

http://www.toplegal.it/upload/allegati/PRESENTAZIONE TOPLEGAL OFFICINE MILANO.pdf

Credits Landlogic IT

RSS

RSS