giovedì 23 marzo 2017
cerca aziende studi professionisti
Danno reputazionale: il ruolo dell'in-house
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
29 lug 2016
Corporate Counsel Forum

Danno reputazionale: il ruolo dell'in-house

Come può la direzione legale intervenire nella valutazione e gestione dei rischi reputazionali? TopLegal ha messo a confronto le esperienze di Leonardo-Finmeccanica, Snam e Philip Morris

Il ruolo delle direzioni legali come strumento di prevenzione e gestione del danno reputazionale: è stato questo il tema di dibattito della seconda tavola rotonda del TopLegal Corporate Counsel Forum, tenutosi lo scorso 5 luglio. 

Durante l'incontro, moderato da Galileo Pozzoli, managing partner di Curtis Mallet-Prévost Colt & Mosle, sono intervenuti: Antonio Martini, partner di Cba, Andrea Parrella, general counsel di Leonardo - Finmeccanica, Gabriella Porcelli, senior counsel di Philip Morris e Marco Reggiani, direttore affari legali, societari e compliance di Snam

La reputazione rappresenta un valore intangibile dell’azienda, che viene assegnato dall’esterno. In quanto percezione non si può scegliere, ma soprattutto è quasi impossibile da controllare. Secondo i teorici, si origina e prende forma all’interno di una dimensione essenzialmente relazionale. Tuttavia, i parametri di giudizio sono in continua evoluzione perché cambiano le aspettative degli stakeholder. La reputazione è l’avallo della fiducia; pretendiamo che i nostri risparmi in banca siano sicuri, che i nostri dati personali siano tutelati, che la qualità del nostro cibo sia garantito. Il danno reputazionale significa disallineamento con i valori degli stakeholder la cui fiducia viene a mancare.

Data la rilevanza del concetto ‘reputazione’, il presidio della funzione legale nel risk management dovrebbe essere quindi indispensabile. Come confermato dai relatori, gestire i rischi, però, non implica soltanto analizzare norme e capirne le implicazioni, poiché il rischio reputazionale deriva non soltanto dalla mancata conformità alla normativa vigente, ma anche da rischi legati alle scelte operative e strategiche. Un adeguato presidio del rischio richiederebbe un coinvolgimento del general counsel trasversale al business, tale da permettergli di valutare il rischio attuale o prospettico e i possibili strumenti di mitigazione.

Di seguito è possibile visionare il video integrale della tavola rotonda.

tags: CbaSnamCurtis Mallet-Prévost Colt & MosleMarco ReggianiGalileo PozzoliPhilip MorrisAndrea ParrellaGabriella PorcelliLeonardo - FinmeccanicaAntonio Martini
CLICCA PER CONDIVIDERE
eventi
Temi d’attualità nella tutela del marchio

Milano

martedì 28 marzo
Temi d’attualità nella tutela del marchio
In partenza l’Executive Programme in Management della Compliance

Roma

lunedì 17 aprile
In partenza l’Executive Programme in Management della Compliance
In partenza l’Executive Programme “Doing Business in United Arab Emirates”

Roma

venerdì 05 maggio
In partenza l’Executive Programme “Doing Business in United Arab Emirates”
Unitary Patent / Unified Patent Court 2017

Monaco di Baviera

mercoledì 05 luglio
Unitary Patent / Unified Patent Court 2017
Intellectual Property Summit 2017

Bruxelles

giovedì 07 dicembre
Intellectual Property Summit 2017


http://www.toplegal.it/upload/banner/TopLegal special issue_Summit2016_Roma.pdf

http://www.toplegal.it/upload/banner/TopLegal special issue_Summit2016_MILANO.pdf

http://www.toplegal.it/upload/banner/toplegal_online_advert_march17.pdf

http://businessschool.luiss.it/programmes/management-compliance/index.php
http://www.toplegal.it/view_london.aspx

http://businessschool.luiss.it/offerta-formativa/executive-program/doing-business-in-united-arab-emirates/

http://www.unitarypatentsystem.eu

http://www.ipsummit.info

http://www.toplegal.it/upload/banner/TopLegalAwards2016_2802_ENG.compressed.pdf

Credits Landlogic IT

RSS

RSS