domenica 16 dicembre 2018
cerca aziende studi professionisti
ACCEDI | REGISTRATI AL SITO
 Passaggio generazionale, ultimo giro?
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
05 dic 2018
Tax

Passaggio generazionale, ultimo giro?

Leo De Rosa, fondatore di Russo De Rosa, spiega a TopLegal che «l’attuale fiscalità su operazioni legate al passaggio generazionale è ancora considerata “facilitante” rispetto ad altre esperienze estere»


Se le motivazioni familiari e personali sono alla base delle scelte per il passaggio generazionale, il diritto tributario può diventare un “lubrificante” se non un vero e proprio “motore” delle decisioni. Soprattutto nell’attuale fase storica, una delicata combinazione economica, demografica e politica in cui le operazioni straordinarie e la fiscalità del patrimonio diventano di forte attualità. Lo spiega a TopLegal Leo De Rosa (in foto), fondatore di Russo De Rosa, sottolineando come «occorrerà necessariamente ripensare le configurazioni degli assetti proprietari, gli organigrammi societari e più in generale le modalità di detenzione, protezione e trasmissione del patrimonio imprenditoriale e non».

In particolare, l’ingresso e la faticosa uscita da una delle crisi economiche più rilevanti dal dopoguerra ha segnato «la necessità di gestire l’emergenza, la straordinarietà, la discontinuità (come amo definirla) imprenditoriale e familiare — ha spiegato De Rosa — e ha portato aziende e titolari di patrimoni rilevanti a cercare spazi di ottimizzazione ed efficientamento. A questo si è aggiunta l’incombenza del fattore anagrafico che ha indotto imprenditori e clienti privati ad affrontare i temi della detenzione, protezione e trasmissione della ricchezza tra generazioni.

Ecco, è in questo senso che il diritto tributario diventa un “lubrificante” di decisioni figlie di un travaglio psicologico che viene superato anche grazie alla possibilità di farlo in maniera fiscalmente efficiente».

Quando, tuttavia, si ha la percezione che le regole del gioco stanno per cambiare, il diritto tributario diventa esso stesso “motore” di riflessione. È il caso dell’attuale fase politica, percepita di rottura col passato. Ci si rende conto che «il legislatore fiscale ha iniziato a mettere in cantiere (e per alcuni versi già in atto) interventi volti a tassare la detenzione e la trasmissione del patrimonio — afferma De Rosa— accelerando certe riflessioni da parte di imprenditori e famiglie». Si aggiunga che l’attuale fiscalità sulle varie operazioni legate al passaggio generazionale è ancora considerata “facilitante” rispetto ad altre esperienze estere, per esempio, sia in termini di aliquote di tassazione sia di base imponibile. Ecco che l’Italia rappresenta oggi un unicum su questo fronte, destinato quindi probabilmente a cambiare per allinearsi alle altre prassi estere.

Tutti questi fattori hanno comportato un sensibile impatto sulla clientela potenziale: da prevalentemente aziendale si è allargata alle famiglie con patrimoni complessi. Alla base c’è comunque la necessità di continuare nell’evoluzione culturale in atto, con la presa di coscienza delle diverse opportunità sul tavolo. «Oggi sempre di più c’è la consapevolezza che il diritto può fare molto, può permettere di essere registi delle dinamiche successive alla propria morte. E da un contesto imprenditoriale di tipo “reattivo”, si sta man mano passando a una logica proattiva, con l’idea di guardare al patrimonio in modo multigenerazionale, per conferirgli una vita più lunga dell’azienda».

Dalle spac, agli innesti di nuove managerialità, dai capitali privati (private equity e club deal), a nuovi assetti di governance. «Prendiamo per esempio il trust — dice De Rosa —, ha sempre avuto fama di strumento esotico, di matrice estera, a volte non propriamente lecita. Invece è uno strumento che dà formidabili opportunità di disciplinare il post mortem, e il suo maggior ricorso è figlio di un progressivo esercizio di diffusione culturale: abbiamo bisogno di esempi virtuosi che diventino dei casi scuola, che diventino esemplari rispetto al nostro ordinamento. Così come si sta finalmente diffondendo il patto di famiglia e sono in crescita i club deal sia italiani sia stranieri».

Il tutto attraverso migliori assetti di governance per far convivere la compresenza di più soci o eredi, per permettere la gradualità e la reversibilità delle scelte. E mettere le nuove generazioni alla prova.
 
tags: Russo De RosaLeo De Rosa
CLICCA PER CONDIVIDERE


eventi
Il conflitto di interessi: stato dell’arte della normativa e impatti operativi

Roma

martedì 18 dicembre
Il conflitto di interessi: stato dell’arte della normativa e impatti operativi
Corso di Perfezionamento Diventare Avvocato in Studio Legale Associato

Verona

gennaio 2019
Corso di Perfezionamento Diventare Avvocato in Studio Legale Associato
Connettività e IoT: sfide Antitrust e IP per le imprese

Milano

giovedì 24 gennaio
Connettività e IoT: sfide Antitrust e IP per le imprese
II Edizione Master in Data Protection Officer e Privacy Matter Expert

Roma

venerdì 15 febbraio
II Edizione Master in Data Protection Officer e Privacy Matter Expert


http://www.toplegal.it/news-speciali

http://www.toplegal.it/upload/banner/300x100/toplegal_online_advert_june18.pdf

http://www.irislink.com/settorelegale

https://www.teamsystem.com/Legal/netlex-fatturazione

Credits Landlogic IT

RSS

RSS