martedì 19 marzo 2019
cerca aziende studi professionisti
ACCEDI | REGISTRATI AL SITO
Saitta e Ristuccia & Tufarelli vincono al Cgars per Elettronica Bio Medicale
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
27 dic 2018
Contenzioso

Saitta e Ristuccia & Tufarelli vincono al Cgars per Elettronica Bio Medicale

Antonio Saitta e Ristuccia & Tufarelli, con un team formato da Luca Tufarelli (in foto), Mario Di Carlo e Giuseppe Lo Monaco, hanno assistito con successo Elettronica Bio Medicale (oggi Althea Italia), azienda operante nel settore dell’ingegneria clinica, nel giudizio di appello avverso la sentenza del Tar Sicilia, promosso da Vivisol dinanzi al Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana (Cgars).

Il Tar palermitano, accogliendo le difese delle aziende sanitarie e dell’aggiudicatario, aveva affermato la legittimità dell’operato delle aziende sanitarie provinciali di Trapani, Caltanissetta, Agrigento e Palermo che hanno utilizzato lo strumento dell’accordo quadro multifornitore per l’individuazione degli operatori economici per la fornitura full risk, per un valore di circa 37 milioni di euro, di ausili per la terapia respiratoria e aspiratori chirurgici destinati agli assistiti.

La società Vivisol ha proposto appello sulla base dei due motivi già oggetto del ricorso di primo grado. Con il primo ha sostenuto l’irragionevolezza e l’illegittimità di imporre un limite massimo al numero degli operatori economici con cui sottoscrivere l’accordo quadro, richiamando a sostegno della propria tesi la delibera 585 del 2016 dell’Anac, con cui l’autorità riteneva irragionevole e non conforme alla legge la scelta di escludere da ciascuna graduatoria l’ultimo operatore collocato utilmente. Con il secondo ha denunciato un potenziale conflitto di interessi di un componente della commissione giudicatrice.

Il Cgars, discostandosi dal parere dell’Anac ritenuto autorevole ma non vincolante, ha condiviso le argomentazioni del Tar e ha confermato la correttezza della lex specialis ritenendo il predetto limite conforme all’art. 59, comma 5, del D.lgs. 163/2006. La norma, infatti, vieta espressamente di individuare meno di tre operatori ma non vieta di prevedere un limite massimo, né impone di concludere l’accordo quadro con tutti gli operatori ammessi. 

Il Cgars ha pertanto respinto l’appello giudicando comunque infondato anche il secondo motivo.

tags: Ristuccia & TufarelliLuca TufarelliMario Di CarloAnacGiuseppe Lo MonacoAntonio SaittaVivisolElettronica Bio MedicaleAlthea Italia
CLICCA PER CONDIVIDERE


eventi
Italia-UK: scelte strategiche, finanza e fiscalità nella prospettiva post Brexit

Milano

giovedì 04 aprile
Italia-UK: scelte strategiche, finanza e fiscalità nella prospettiva post Brexit
III edizione Master in Data Protection Officer e Privacy Matter Expert

Milano

venerdì 10 maggio
III edizione Master in Data Protection Officer e Privacy Matter Expert
Deleghe e posizioni di garanzia nella responsabilità penale dei manager delle imprese

Milano

martedì 28 maggio
Deleghe e posizioni di garanzia nella responsabilità penale dei manager delle imprese
Ricerca e selezione del personale secondo il GDPR e il diritto del lavoro: i background checks

Milano

giovedì 13 giugno
Ricerca e selezione del personale secondo il GDPR e il diritto del lavoro: i background checks
The 3rd Edition of NPL italy 2019

Milano

mercoledì 19 giugno
The 3rd Edition of NPL italy 2019


http://corporatecounselawards.toplegal.it/

https://www.toplegal.it/view_giovani.aspx

https://www.toplegal.it/adv/pdf/TopLegalFocusPenale2019.pdf

http://www.toplegal.it/news-speciali
http://www.toplegal.it/upload/banner/300x100/toplegal_online_advert_june18.pdf

https://www.toplegal.it/upload/allegati/TopLegal%20Focus%20Tax%202018.pdf

https://www.toplegal.it/upload/allegati/TLR_Focus Speciale_BG_BS.pdf

Credits Landlogic IT

RSS

RSS