Clifford Chance e Jones Day nella riapertura del Btp emesso dalla Repubblica italiana
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
18 lug 2019
Capital markets

Clifford Chance e Jones Day nella riapertura del Btp emesso dalla Repubblica italiana

Il Mef ha riaperto il Btp con scadenza 50 anni per un importo di ulteriori 3 miliardi di euro rispetto ai 5 mld dell’emissione originale di ottobre 2016


Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha riaperto e collocato il Btp nominale a tasso fisso a 50 anni per un importo di ulteriori 3 miliardi di euro rispetto ai 5 mld dell’emissione originale di ottobre 2016. Clifford Chance e Jones Day hanno assistito il sindacato di banche coinvolto nell’emissione, composto da Citigroup Global Markets, Deutsche Bank, Goldman Sachs Int. Bank e UniCredit, che hanno partecipato in veste di lead managers. 

Il team di Clifford Chance è stato guidato dai soci Gioacchino Foti (in foto a destra) e Filippo Emanuele, coadiuvati dalla counsel Laura Scaglioni per i profili di legge statunitense e dall’associate Francesco Napoli.

Jones Day ha prestato assistenza per gli aspetti di diritto amministrativo e fiscale con un gruppo di lavoro guidato dal partner Piergiorgio Leofreddi (in foto a sinistra) coadiuvato dall’of counsel Carla Calcagnile.

Il titolo ha scadenza 1° marzo 2067 e tasso annuo 2,80%, pagato in due cedole semestrali ed è stato collocato al prezzo di 99,528 corrispondente ad un rendimento lordo annuo all’emissione del 2,877%.
 
tags: UnicreditClifford ChanceFilippo EmanueleJones DayDeutsche BankGioacchino FotiPiergiorgio LeofreddiFrancesco NapoliLaura ScaglioniCarla CalcagnileCitigroup Global MarketsMinistero dell’Economia e delle FinanzeGoldman Sachs Int. Bank
CLICCA PER CONDIVIDERE




Credits Landlogic IT

RSS

RSS