Il legal tech che piace al Gc
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
14 feb 2020
Studi

Il legal tech che piace al Gc

Il Centro Studi di TopLegal avvia un'indagine sul grado di preparazione degli studi italiani nell’implementazione di sistemi di legal tech e IA

 

 

«La maggior parte degli avvocati sta attualmente pattinando nella direzione in cui il disco è già stato e dove ormai non tornerà più». Ci perdonerà Richard Susskind se prendiamo in prestito il suo esempio dei giocatori di hockey per lanciare il guanto di sfida al mercato legale: come riuscire a intercettare nuovamente quel "disco"? Il disco chiaramente è la domanda di servizi legali e, conseguentemente, le esigenze e le necessità dei clienti.

La risposta è complessa: in Italia riguarda non solo i trend mondiali in atto, ma anche la congiuntura del Paese e la struttura competitiva del mercato. Ma buona parte di essa può essere individuata nella capacità di appropriarsi della frontiera del legal tech e dell’intelligenza artificiale (IA).

La tecnologia applicata pare destinata a essere la chiave di volta per una maggiore efficienza e una maggiore collaborazione attiva e operativa con il cliente. Richiamando l’assunto di base di Susskind (sviluppato nel saggio “L’avvocato di domani. Il futuro della professione legale tra rivoluzione tecnologica a intelligenza artificiale”), gli studi legali non potranno mai venire incontro alla principale esigenza dei clienti incentrata sul "più a meno", né di conseguenza superare la pressione sulle parcelle, senza affrontare seriamente il tema tecnologico.

A questa prospettiva si ispira l'analisi del Centro Studi di TopLegal sul grado di preparazione degli studi italiani nell'implementazione di sistemi di legal tech e IA. Un'indagine che vuole dare risposte pragmatiche e utili agli stessi consulenti legali sull'effettivo livello di preparazione rispetto alle esigenze delle direzioni legali delle imprese.

A tale fine sarà coinvolto un panel di grandi aziende per scoprire come la tecnologia informatica (fino all'intelligenza artificiale, applicata al mondo del diritto) stia impattando il lavoro legale delle direzioni e come gli studi legali possano migliorare la risposta e i servizi offerti. I risultati della ricerca saranno pubblicati nei prossimi mesi come base del successivo lavoro di confronto e analisi con gli studi legali.

Lo scenario che si apre richiederà attenzione, investimenti e visione di lungo periodo, trattandosi di un vero e proprio cambio del modello di business e degli attori in gioco. L'era del "più a meno" viene vista nella teoria di Susskind come un mondo in cui i servizi legali possono essere «scomposti» e «forniti» in modi alternativi.

La speranza, parafrasando ancora Susskind, è che gli studi legali non assumano un atteggiamento difensivo, pensando a impedire il cambiamento. Ma decidano di cavalcarlo per coglierne le opportunità.

tags: Richard Susskind
CLICCA PER CONDIVIDERE


eventi
Master in operazioni di M&A e joint-venture societarie

Milano

venerdì 21 febbraio
Master in operazioni di M&A e joint-venture societarie
GDPR Exclusive Community 2020

Roma

giovedì 27 febbraio
GDPR Exclusive Community 2020
Master in Data Protection Officer e Privacy Matter Expert - IV edizione

Milano

venerdì 28 febbraio
Master in Data Protection Officer e Privacy Matter Expert - IV edizione
Master in Tech Law & Digital Transformation

Roma

venerdì 13 marzo
Master in Tech Law & Digital Transformation
Investigazioni interne aziendali. La tutela della società tra finalità perseguibili, tecniche di svolgimento, utilizzabilità processuali e strategie di azione

Milano

martedì 31 marzo
Investigazioni interne aziendali. La tutela della società tra finalità perseguibili, tecniche di svolgimento, utilizzabilità processuali e strategie di azione


https://toplegalitalia-ita.newsmemory.com/
https://www.amazon.it/dp/8894429709

Credits Landlogic IT

RSS

RSS