TopLegal Italy Index, settembre 2020
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
24 set 2020
Competitività degli studi

TopLegal Italy Index, settembre 2020

LabLaw esce dalla TL 40 dopo l'uscita di Failla. Entra Sena e Tarchini. Dentons torna al settimo posto. In crescita tra i medio piccoli Orsingher Ortu, Molinari e Rccd Cappelli

 

L'ingresso di Luca Failla fa migliorare la posizione di Deloitte Legal all’interno del TopLegal Italy Index a spese di LabLaw, di cui Failla è stato co-fondatore, che scende da 34esimo a 50esimo. Per effetto collaterale, Sena e Tarchini entra a settembre nella TopLegal 40 Index, che raggruppa le prime 40 insegne a maggiore densità di eccellenza. La boutique specializzata in Ip, rispetto all'ultimo aggiornamento di luglio, passa dal 41esimo al 40esimo posto a 0,497 (l’indice numerico è rappresentativo della densità di eccellenza rispetto al mercato di riferimento, base 100).

Nella parte alta della classifica sale a settembre anche Dentons, che ha migliorato il posizionamento nel segmento crisi e ristrutturazioni, passa dall’ottavo posto al settimo posto (2,011). La classifica, che è stata aggiornata al 15 settembre, non tiene conto di importanti operazioni sul mercato annunciate nella seconda metà del mese, quali la fusione tra Gatti Pavesi Bianchi e Ludovici Piccone.

I movimenti più interessanti in ascesa si sono registrati nel cluster degli studi medio piccoli che hanno accolto nuovi partner di prestigio. Orsingher Ortu sale al 21esimo posto dal 24esimo (1,115), dopo l’inserimento del socio Paolo Pototsching, Molinari al 30esimo (0,709), anche in questo caso per il miglioramento nel segmento crisi e ristrutturazioni, e Rccd Cappelli al 32esimo (0,684), grazie al lateral hire del nuovo name partner Roberto Cappelli.

Tra i grandi studi di fascia alta salgono, invece, in classifica Carnelutti dal 21esimo al 19esimo posto (1,127) e Grimaldi al 34esimo (0,630). Tra gli specializzati Severino sale alla 35esima posizione (0,628).

Passando agli americani, Cleary Gottlieb scende di un gradino all’ottavo posto (1,956), mentre Latham & Watkins di tre al 36esimo (0,607). Dei britannici Simmons & Simmons passa dal 20esimo al 22esimo (1,115), mentre tra i grandi studi italiani calano solo Pavia e Ansaldo, di una posizione al 20esimo posto (1,119), e Pedersoli di tre al 24esimo (1,087). Dei monospecializzati, scendono di una posizione sia Maisto al 31esimo posto (0,702) sia Mucciarelli al 33esimo (0,673).

I cambiamenti nella Top40 seguono l’aggiornamento di luglio del TopLegal Italy Index, l’indice per misurare gli equilibri del mercato dei servizi legali italiano e le insegne legali a maggiore densità di eccellenza. L’aggiornamento, in particolare, ha tenuto in considerazione l’ultima ricerca del Centro Studi TopLegal sull’area crisi e ristrutturazione (che sarà pubblicata su TopLegal Review ottobre/novembre 2020), oltre ai lateral hire registrati negli ultimi due mesi, dalla metà di luglio alla metà di settembre.

Il TopLegal Italy Index prende in esame il posizionamento degli studi e dei professionisti nelle ricerche svolte dal Centro Studi dal 2017 ad oggi. Nel monitoraggio un totale di 15 ricerche per area giuridica e settore (sempre disponibili all'indirizzo www.toplegal.it/guida) che si basano sui giudizi dei clienti e alle quali è stato assegnato un coefficiente di rilevanza. E viene aggiornato in seguito a ogni nuova ricerca svolta dal Centro Studi e a ogni lateral hire che riguarda professionisti presenti nelle classifiche.


TopLegal Index aggiornato al 15 settembre 2020