Gli associate sognano il mondo in house
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
10 nov 2020
Osservatorio remunerazioni

Gli associate sognano il mondo in house

La posizione più ambita oggi dai collaboratori è quella di giurista d'impresa e non quella di socio dello studio. È quanto emerge dall'ultimo sondaggio condotto da TopLegal



Non è più l’ingresso nella partnership il sogno dei giovani professionisti, ma una poltrona da general counsel. Le carriere negli studi si sono allungate e i compensi non sono più adeguati alle ore e alle condizioni di stress cui si è sottoposti. Certo, all’inizio il mondo degli studi legali conserva ancora il suo fascino di sempre. Poi, con gli anni il giudizio cambia. Tanto che oggi quasi sette collaboratori su dieci (67%) vorrebbe cambiare lavoro. Vale soprattutto per i mid level e gli associate all’ultimo anno. È quanto emerge dall’ultimo sondaggio condotto a settembre da TopLegal su un campione di 59 professionisti, con ruolo di praticante o collaboratore, che dipinge ancora una volta uno scenario a tinte scure per i giovani professionisti.

Stando alle risposte, la propensione a cambiare studio – oltre il 35% delle insegne, secondo il sondaggio – rimane alta. Molto probabilmente il malcontento è destinato ad aumentare nei prossimi mesi, considerando le riduzioni dei compensi, il taglio dei bonus e il congelamento degli aumenti e delle promozioni decisi dai soci per fronteggiare la crisi di liquidità causata dalla pandemia del coronavirus. La survey rivela un disincanto piuttosto diffuso e aspettative di carriera deluse. Non è un caso che la posizione più ambita oggi sia quella del legale interno (indicata dal 15%) e non quella di socio, una strada percorribile solo per il 10%, magari cambiando insegna. Del resto, le occasioni di crescita rimanendo nello stesso studio sono limitate e il mercato degli associate è ormai saturo.

Il clima negli studi, invece, è quello di sempre. La settimana lavorativa è ancora di oltre 50 ore (lo ha indicato il 61%) a fronte di compensi però considerati non adeguati (57% dei casi). Il 24% degli intervistati ha detto di ricevere una retribuzione superiore a 50.000 euro l’anno per stare in ufficio più di 10 ore al giorno. Solo il 7% guadagna più di 120.000 euro, oltre 180.000 nel caso di uno studio americano. In pochi (12%) hanno definito il proprio studio un ambiente positivo, con possibilità di crescita e di conciliare lavoro e vita privata.

Ruoli ingessati, partner accentratori (a volte tiranni) e l’incertezza sul futuro stanno spingendo così gli associate a rivalutare l’impiego in azienda, vista come un luogo in cui i diritti dei lavoratori possono essere maggiormente tutelati. Difficile dargli torto. Gli studi sono descritti come poco flessibili nell’organizzazione, i ritmi di lavoro a volte ritenuti "folli", il bilanciamento tra vita privata e lavorativa è scarso.

Che i 30-40enni di oggi vedano solo il lato oscuro di questa professione, non è una novità (si veda TopLegal Review, numero di ottobre/novembre 2019), un punto di vista che affonda le radici nei cambiamenti strutturali vissuti dal comparto in dieci anni e oltre. Di mezzo, poi, c’è anche l’emergenza dei Millennial. Per questa generazione non esistono solo gli affari. E la qualità della vita è un valore imprescindibile. I partner sembrano non esserne accorti.

L'Osservatorio di TopLegal sulle remunerazioni degli associate è stato pubblicato su TopLegal Review di ottobre/novembre 2020.
CLICCA PER CONDIVIDERE


eventi
“Terra Mia”: una riforma necessaria? Giustizia e Tecnica a confronto.

giovedì 10 dicembre
“Terra Mia”: una riforma necessaria? Giustizia e Tecnica a confronto.
GDPR Exclusive Community - II edizione

giovedì 10 dicembre
GDPR Exclusive Community - II edizione


https://teleforum.eustema.it/it/

https://toplegal.it/upload/allegati/Focus%20Penale%202020.pdf
https://www.toplegalacademy.it/

https://toplegal.cawi.idsurvey.it/default.cshtml?id=58a9904f-6e4b-428d-8b53-6815793d8df7

https://toplegal.it/eventi/27084/gdpr-exclusive-community-ii-edizione

Credits Landlogic IT

RSS

RSS