Dentons con il fondo Ikav per 9 centrali peaker a gas
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
01 lug 2021
Energy

Dentons con il fondo Ikav per 9 centrali peaker a gas

Saranno sviluppate da Metaenergia, affiancata da Grande Stevens. Nell’operazione da 500 milioni di euro convolti per il finanziamento anche Gianni & Origoni, Orrick e Ropes & Gray



Dentons (TLIndex7) ha assistito Ikav, asset manager tedesco specializzato in infrastrutture energetiche, nell'investimento per la costruzione di 9 centrali peaker a gas sviluppate da Metaenergia per il “capacity market” in Italia. Metaenergia, fornitore italiano di energia elettrica, gas naturale e servizi di efficienza energetica di proprietà della famiglia Molinari, è stata assistita da Grande Stevens a Roma e Grande Stevens International a Londra.

Nell’ambito dell’operazione, Ikav ha anche acquistato azioni e titoli obbligazionari della holding inglese Metaenergia Uk dall’investitore esistente, che aveva precedentemente sottoscritto tali titoli per finanziare lo sviluppo pre-costruzione delle nove centrali a gas. L’investitore è stato assistito da Ropes & Gray, a Londra, e da Gianni & Origoni (TLIndex3), a Milano.

Ikav ha acquisito una partecipazione rilevante nella società di progetto. Meag Munich Ergo, società di asset management del gruppo Munich Re, affiancato da Orrick (TLIndex14), ha fornito un nuovo finanziamento senior da 300 milioni di euro attraverso la sottoscrizione di strumenti di debito alternativi emessi da Metaenergia, assistita sempre da Grande Stevens.

Una volta entrati in esercizio, gli impianti beneficeranno dei meccanismi premiali riconosciuti da Terna per la messa a disposizione di nuova capacità ai sensi della disciplina del capacity market per un periodo di 15 anni. L’operazione rappresenta il primo investimento del fondo IEI II di Ikav, focalizzato sugli investimenti in infrastrutture globali.

Dentons ha agito con un team multigiurisdizionale che ha coinvolto professionisti di Italia, Regno Unito e Lussemburgo, coordinato dal partner Carsten Steinhauer e composto dal managing counsel Mileto Mario Giuliani che ha curato anche gli aspetti regolamentari afferenti al capacity market, dal counsel Christian Fabricatore, e dal senior associate Riccardo Narducci. I partner Gianpaolo Garofalo e Giovanni Diotallevi, con il managing counsel Andrea De Luca Picione, la senior associate Bianca Chiara Sinisi e l’associate Stefania Verroca, hanno seguito gli aspetti banking & finance, mentre la partner Roberta Moscaroli ha gestito gli aspetti fiscali e il partner Michele Carpagnano si è occupato dei profili competition & antitrust e golden power.

Sono altresì intervenuti i partner di Dentons Cristian Fischetti per gli aspetti restructuring e Luca De Menech per le questioni giuslavoristiche. I partner Nigel Webber, Mark Cheney e James Meakin dell’ufficio di Londra hanno curato rispettivamente gli aspetti corporate, finance e tax di diritto inglese; mentre i partner Namik Ramić e Jean Luc Fisch hanno seguito i profili corporate e tax di diritto lussemburghese.

Grande Stevens e Grande Stevens International hanno agito con un team multigiurisdizionale che ha coinvolto professionisti italiani e inglesi, coordinati dal managing partner Michele Briamonte. La partner Marella Villa, con un team composto da Carola Diletta Irneri e Nicolò Manduchi ha curato gli aspetti di banking & finance, mentre Chiara De Sanctis ha curato i profili di golden power. Altri partner coinvolti sono stati Gabriella Sasso con l'associate Giada Buzzi (tax) e la partner Alessandra Deganis (employment). I partner Vincenzo Lanni e Umberto D'Anna dello studio di Londra hanno curato gli aspetti societari e finanziari di diritto inglese.

Gianni & Origoni ha agito con un team coordinato dal partner Ottaviano Sanseverino e composto dal partner Raffaele Tronci e dall'associate Alvise Portinari, che ha curato gli aspetti di diritto italiano relativi al rimborso del bond, alla liberazione e alla conferma delle garanzie, nonché agli accordi relativi agli impianti operativi. Il partner Fabio Chiarenza e la managing associate Francesca Staffieri hanno curato gli aspetti fiscali.

Ropes & Gray ha agito con un team guidato dal partner Samuel Norris, con un team composto dalla partner Helen Croke (private equity), dalla senior associate Natalie Eliades (private capital - corporate), dall’associate Ashley Wright (banking & finance).

Orrick ha assistito Meag con un team guidato da Carlo Montella, global deputy business unit leader della practice Energy & Infrastructure. Daria Buonfiglio, senior associate, supportata da Laura Galbiati, managing associate e Paola Alberta Esposito, associate, ha gestito tutti gli aspetti connessi alla finanziabilità dei contratti di costruzione degli impianti, ivi inclusa la revisione e la predisposizione di tali contratti per conto degli obbligazionisti.

L’intera attività di due diligence connessa all’analisi degli aspetti amministrativi, regolatori e di applicazione della normativa golden power è stata condotta da Orrick con il partner Francesca Isgrò, supportata da Edoardo Mencacci, associate. Raul Ricozzi, partner, Federico Perego, senior associate, e Assia Andriani, associate, hanno assistito Meag nella strutturazione dei profili legali del debito e nella redazione del project bond.
tags: OrrickDentonsFabio ChiarenzaCarlo MontellaGianni & OrigoniFrancesca StaffieriOttaviano SanseverinoFrancesca IsgròGrande StevensRaul RicozziRoberta MoscaroliRaffaele TronciGianpaolo GarofaloCristian FischettiDaria BuonfiglioCarsten SteinhauerStefania VerrocaAndrea De Luca PicioneMichele CarpagnanoLaura GalbiatiFederico PeregoMichele BriamonteRiccardo NarducciGiovanni DiotalleviLuca De MenechMileto Mario GiulianiChristian FabricatoreRopes & GrayEdoardo MencacciIkavAlessandra DeganisBianca Chiara SinisiAssia AndrianiVincenzo LanniPaola Alberta EspositoMunich ReMarella VillaHelen CrokeSamuel NorrisAlvise PortinariUmberto D'AnnaGiada BuzziChiara De SanctisNicolò ManduchiCarola Diletta IrneriMeag Munich Ergo
CLICCA PER CONDIVIDERE




Credits Landlogic IT

RSS

RSS