Studi: calano le remunerazioni nel 2021
aumenta testo riduci testo stampa sep genera pdf sep segnala sep
14 ott 2021
Osservatorio associate

Studi: calano le remunerazioni nel 2021

La pandemia ha fermato la ripresa degli ultimi cinque anni. La media delle retribuzioni per i collaboratori scende a livelli inferiori di quelli precrisi: -38,8%



Con la pandemia, sono continuate a calare le remunerazioni dei collaboratori. Nonostante la leggera ripresa registrata tra il 2017 e il 2020, la curva delle retribuzioni dei professionisti nell’arco degli ultimi cinque lustri ha seguito un andamento negativo. Tanto che raggiungere il livello medio precrisi appare sempre più un miraggio. Un associate all’ultimo anno oggi, oltre all’accesso alla partnership sbarrato, si ritrova a guadagnare poco più della metà di quanto avrebbe potuto quattordici anni fa. Un professionista di pari grado, infatti, nel 2008 guadagnava in media 130.000 euro. Le retribuzioni degli associate nel 2021 sono nettamente più basse: 79.000 euro.

Una cifra inferiore anche alla media registrata nel 2019, anno precedente allo scoppio del Covid-19. È quanto emerge dall’ultimo censimento sulla remunerazione degli associate di TopLegal Review, giunto alla settima edizione. Il campione quest’anno comprende 32 insegne, suddivise in sei cluster di appartenenza, che hanno comunicato i dati tra agosto e settembre, contribuendo a fare trasparenza sulle politiche remunerative del comparto. A calare, tutte le fasce di retribuzione per gli associate. Più marcata la differenza per i collaboratori con maggiore anzianità professionale. A valore medio, la paga per un senior associate nel 2021 è ben al di sotto di quella del periodo precedente alla crisi del 2008 (-38,8%). Negativa anche la variazione per la remunerazione al primo anno: -18,4%.



L’effetto della pandemia
La causa del crollo delle retribuzioni è da individuare nella crisi economico-sanitaria. La flessione dei margini ha spinto i soci a comprimere ulteriormente i costi fissi, primo fra tutti quello per professionisti e staff, come mostrato dall’analisi dei fatturati su TopLegal Review (nr. giugno/luglio 2021). L’effetto è stato il congelamento della ripresa dei salari degli associati registrato negli ultimi cinque anni. Rispetto al 2020, quest’anno il livello di retribuzione media è sceso dell’11,2% per i senior associate e del 6,1% per i collaboratori al primo anno. Dati in controtendenza rispetto ai quattro anni precedenti. Tra il 2017 e il 2020 i compensi per i senior associate erano aumentate in media del 29%; quelle per i junior del 17,9%.

Non tutti gli studi hanno seguito, però, lo stesso andamento del mercato. Considerando le retribuzioni per il primo anno, per la prima volta nel 2021 gli studi più profittevoli italiani sono tornati ai livelli di retribuzione del 2008, anno della prima rilevazione fatta da TopLegal. In particolare, gli studi full service di fascia alta (prosegue...)


L'articolo completo è stato pubblicato su TopLegal Review, ottobre/novembre 2021, disponibile su E-edicola. L'Osservatorio sulle remunerazioni degli associate di TopLegal mappa ogni anno il livello medio delle retribuzioni dei collaboratori con l'obiettivo di fare trasparenza sulle politiche remunerative del comparto.

CLICCA PER CONDIVIDERE


eventi
GDPR Exclusive Community - III edizione

giovedì 16 dicembre
GDPR Exclusive Community - III edizione


Credits Landlogic IT

RSS

RSS