Moda

Gli studi nel passaggio di Save the Duck ai top manager de L'Occitane

Coinvolti Skadden Arps, Gattai Minoli, Greco Vitali, Linklaters, Russo de Rosa e Simmons & Simmons. L'operazione è valutata in 150-200 milioni di euro

22.04.2022

Gli studi nel passaggio di Save the Duck ai top manager de L'Occitane


I top manager di L'Occitane International, Reinold Geiger e André Hoffmann, assistiti da Skadden Arps Slate Meagher & Flom e da Gattai Minoli (TLIndex10), hanno acquisito la maggioranza di Save The Duck, primo marchio di piumini 100% animal free e prima azienda fashion in Italia a ottenere la certificazione B-Corp, rilevando le quote da Progressio Sgr e dagli altri soci di minoranza. L’operazione, stando a indiscrezioni riportate dal Sole 24 ore, è valutata in 150 – 200 milioni di euro. Nell'operazione Save The Suck è stata affiancata da Greco Vitali. Confermato al vertice Nicolas Bargi, fondatore e Ceo dell’azienda.

Progressio Sgr e Bargi sono stati assistiti da Linklaters (TLIndex15) e da Russo de Rosa (TLIndex136) per gli aspetti fiscali. Ey per gli aspetti contabili. Geiger e Hoffmann sono rispettivamente presidente esecutivo e Ceo della multinazionale L'Occitane International, ed erano già presenti nel capitale di Save The Duck. Entrano a titolo personale attraverso veicoli di investimento da loro controllati.

Intesa Sanpaolo e Banca Ifis, assistite da Simmons & Simmons (TLIndex16), che avevano erogato l’acquisition financing a supporto del buyout del 2018, rimangono prestatori di Save The Duck a supporto dei programmi di sviluppo futuri della società.

Reinold Geiger e André Hoffmann sono stati assistiti da Skadden Arps Slate Meagher and Flom con un team co-guidato da Arash Attar-Rezvani e Andrea Spadacini, composto da Cristina Tomassini e Jack Anderson.

Gattai Minoli ha agito con il team guidato dal partner Federico Bal coadiuvato da Carolina Gattai e Roberto Garrone e dal partner Gian Luca Coggiola per gli aspetti finance.

Intesa Sanpaolo e Banca Ifis sono state assistite da Simmons & Simmons con Davide D'Affronto e Maria Ilaria Griffo.

Save The Duck è stata assistita da Greco Vitali con Chiara Langè, Fabio D'Esposito e Matteo Miramondi, per gli aspetti di acquisition finance.

Progressio Sgr e Bargi sono stati assistiti da Linklaters per gli aspetti legali, con il team guidato dal partner Pietro Belloni coadiuvato da Walter Campagna, Francesca Galetti e Carolina Galiero

Russo De Rosa per gli aspetti fiscali e di gestione del piano di incentivazione, ha agito con il team composto da Leo De Rosa, Federica Paiella, Alessandro Manico, Pietro Perenzin.
 

TAGS

Arash Attar-Rezvani , Andrea Spadacini , Cristina Tomassini , Jack Anderson , Federico Bal , Carolina Gattai , Roberto Garrone , Gian Luca Coggiola , Davide D'Affronto , Maria Ilaria Griffo , Chiara Langè , Fabio D'Esposito , Matteo Miramondi , Pietro Belloni , Walter Campagna , Francesca Galetti , Carolina Galiero , Leo De Rosa , Federica Paiella , Alessandro Manico , Pietro Perenzin , Skadden Arps Slate Meagher & Flom , Gattai Minoli Agostinelli & Partners , Greco Vitali Associati , Simmons & Simmons , Linklaters , Russo De Rosa Associati , EY , L'Occitane International , Progressio SGR , Intesa Sanpaolo , Banca Ifis


TopLegal Index

Var. Pos. Studio Punteggio
1 BonelliErede 7,804
2 Chiomenti 6,243
3 Legance 5,389
4 Gianni & Origoni 5,322
5 Dla Piper 4,176
6 Gatti Pavesi Bianchi Ludovici 2,545
7 Dentons 2,509
8 Bird & Bird 2,407
9 Hogan Lovells 2,360
10 Gattai Minoli 2,133
11 Clifford Chance 2,043
12 Advant NCTM 1,902
13 Linklaters 1,653
14 Cleary Gottlieb Steen & Hamilton 1,606
15 Orrick Herrington & Sutcliffe 1,600

TOPLEGAL REVIEW

Per ogni numero selezioniamo minuziosamente i temi che interessano davvero gli avvocati d'impresa.

Se conta, ne parliamo.

 

Sei già abbonato? Sfoglia la tua rivista


TopLegal Review edizione digitale
ENTRA | ABBONATI