Classifiche TopLegal

Marittimo e Trasporti: aumenta la pressione dei multipractice

Storicamente dominato dalle boutique familiari basate su città a forte vocazione marittima, il settore ha visto aumentare i player con l’ingresso di studi milanesi, internazionali e Big Four

12.10.2022

Marittimo e Trasporti: aumenta la pressione dei multipractice

 

I multipractice provano a scansare le boutique dal presidio sul comparto Marittimo e Trasporti. L'area è caratterizzata storicamente da piccoli studi familiari monospecializzati. Sono aumentati però i segnali di una lenta migrazione verso l'offerta aggregata di studi più strutturati, che hanno un approccio più internazionale e aziendale. Una manciata di grandi studi di Milano, alcune firm anglosassoni e Big Four si sono affacciati su questa practice negli ultimi anni, reclutando team di professionisti basati in città a forte vocazioni marittima, come Genova, e adottando, in alcuni casi, politiche tariffarie molto competitive. 

È quanto emerge dalle risposte degli studi consultati dal Centro Studi TopLegal per conto di TopLegal Consulting, in occasione dell’aggiornamento delle Classifiche per l'area Marittimo e Trasporti. Il campione è comprensivo di tutti i modelli di studio presenti sul mercato. Le classifiche aggiornate saranno pubblicate online i primi di novembre e incluse su TopLegal Review, nr. dicembre/gennaio 2023.

A spingere grandi studi e Big Four a rafforzarsi nel settore Marittimo e Trasporti sono stati soprattutto due fattori: da una parte, la presenza a Milano di alcuni grandi armatori; dall’altra, la possibilità di sviluppare questa practice grazie alla presenza di uffici all'estero, in particolare in quelle aree centrali per il commercio globale, come l’Asia. Nell’ultimo anno, inoltre, si segnala l’espansione sul mercato di alcuni studi internazionali specializzati in trasporti, che hanno acquisito professionisti specializzati in diritto marittimo e dei trasporti.

L'area continua ad attrarre investimenti da parte degli studi. L’80% del campione intervistato, che comprende dipartimenti di studi multipractice e monospecializzati, ha intenzione di espandere e accogliere nuovi professionisti dal mercato. In particolare, si cercano collaboratori per far fronte al prevedibile aumento delle ore lavoro il prossimo anno. La focalizzazione delle politiche di reclutamento è indirizzata soprattutto sugli associate, di differente seniority; in alcuni casi, anche su counsel e salary partner. Tra le competenze più ricercate, ai primi posti compaiono la consulenza stragiudiziale in diritto marittimo e dei trasporti, il diritto doganale, contenzioso e arbitrati.

Quanto alla produttività dei dipartimenti e delle boutique, il tasso di utilizzo, ossia le ore fatturate sul totale delle ore lavorate, si è attestato nel 2021 all’83,3%, in leggero rialzo dall’82,8% dell’anno precedente. In miglioramento anche il tasso di realizzazione, un punto percentuale in più nel 2021, pari all’88% delle ore fatturate nel corso dell'anno.

 
 


TopLegal Index

Var. Pos. Studio Punteggio
1 BonelliErede 7,798
2 Chiomenti 6,130
3 Legance 5,355
4 Gianni & Origoni 5,032
5 Dla Piper 4,195
6 Dentons 2,583
7 Gatti Pavesi Bianchi Ludovici 2,529
8 Bird & Bird 2,491
9 Hogan Lovells 2,427
10 Gattai Minoli 2,119
11 Clifford Chance 2,029
12 Advant NCTM 1,894
13 Linklaters 1,642
14 Cleary Gottlieb Steen & Hamilton 1,596
15 Simmons & Simmons 1,364

TOPLEGAL REVIEW

Per ogni numero selezioniamo minuziosamente i temi che interessano davvero gli avvocati d'impresa.

Se conta, ne parliamo.

 

Sei già abbonato? Sfoglia la tua rivista


TopLegal Review edizione digitale
ENTRA | ABBONATI