Competitività degli studi

Competition/EU smuove la classifica

Oltre 60 insegne guadagnano o perdono posizioni dopo l'ultima ricerca settoriale su Competition/EU del Centro Studi TopLegal per TopLegal Consulting. Stabile la TL25

04.03.2022

Competition/EU smuove la classifica



Dopo l’aggiornamento della classifica su Competition/EU oltre 60 studi cambiano il proprio posizionamento nell’indice generale. Stabile la TL25, la sottocategoria che raggruppa i primi venticinque studi per densità di eccellenza, dove non si registrano avvicendamenti. Si segnalano nella parte alta della classifica gli incrementi dei punteggi di Orrick, Orsingher Ortu e Cba, a seguito dell’ingresso nell’indice settoriale Competition/EU. I tre studi, tuttavia, mantengono le precedenti posizione.

Oltre trenta insegne nella parte media della classifica generale guadagnano o perdono posizioni. Grazie alla buona performance nel Competition/EU, avanzano Cintioli, di sei posti, ed Eversheds Sutherland, di quattro. Scendono, invece, Greenberg Traurig Santa Maria (-9 posizioni), Lipani Catricalà (-7), Jones Day (-6), GPA GiusPubblicisti (-2) e Macchi di Cellere Gangemi, di un solo gradino. Sempre entro le prime 100 posizioni del TopLegal Index, diciotto studi beneficiano indirettamente degli avvicendamenti salendo di un gradino nell’Index; dieci, sempre per effetto indiretto della risalita di Cintioli ed Eversheds Sutherland, arretrano di una posizione.

Nella parte medio bassa dell'Index scendono tre studi a seguito della performance nel Competition/EU: Caiazzo Donnini Pappalardo cala di dodici posizioni, De Berti Jacchia di nove e Osborne Clarke di quattro. Beneficiano indirettamente della discesa delle tre insegne 25 studi che salgono di un posto in classifica.

Metodologia

Il TopLegal Index misura la densità d’eccellenza e la stabilità degli studi legali. Da un lato, raccoglie i giudizi dei clienti sugli studi legali e sui singoli professionisti; dall’altro, prende in esame i passaggi laterali più significativi tra le insegne. I giudizi si basano su criteri soggettivi ma universalmente riconosciuti e condivisi dai decisori d’acquisto dei servizi legali e fiscali. Alla base del monitoraggio, vi sono le ricerche qualitative del Centro Studi TopLegal e l’osservatorio Lateral Monitor. L'indice su base 100 rappresenta il rapporto tra il punteggio guadagnato da ciascuno studio e la sommatoria dei punteggi di tutti gli studi appartenenti all’Index.    

Per informazioni più dettagliate sulla metodologia dell'index clicca qui.


TopLegal Index aggiornato al 2 marzo 2022