Internazionalizzazione

Il dilemma del presidio fuori confine

Per rimanere competitivi, gli studi saranno obbligati a superare le logiche dei network di referral e a pensare nuovi modelli per l’espansione all’estero

19.05.2022

Il dilemma del presidio fuori confine

 


di Daniel Muzio*


Nonostante il recente rallentamento registrato a causa di Covid-19 e dell’invasione russa in Ucraina, gli ultimi 30 anni sono stati caratterizzati da un’accelerazione dei processi di globalizzazione. La spinta all’internazionalizzazione ha coinvolto anche il mondo dei servizi legali. Molti studi anglo americani contano decine di uffici e migliaia di professionisti sparsi attraverso il mondo. Ma la globalizzazione non è semplice e presenta ogni sorta di difficoltà logistica, operativa, istituzionale e culturale. Gli studi, come organizzazioni, sono particolarmente esposti alle regole, culture e istituzioni del proprio paese d’origine. Gli approcci possono essere molto diversi per affrontare la globalizzazione e importa riconoscere i loro vantaggi e svantaggi...(prosegui la lettura su TopLegal Review, nr. aprile/maggio 2022)


* Professore di management presso The York Management School

TopLegal Review, nr. aprile/maggio 2022 è disponibile su E-edicola
 

 


TopLegal Index

Var. Pos. Studio Punteggio
1 BonelliErede 8,121
2 Chiomenti 5,793
3 Legance 5,059
4 Gianni & Origoni 4,799
5 Dla Piper 4,100
6 Hogan Lovells 2,401
7 Dentons 2,362
8 Gatti Pavesi Bianchi Ludovici 2,360
9 Bird & Bird 2,317
10 Clifford Chance 2,088
11 Gattai Minoli 1,994
12 Advant NCTM 1,847
13 Cleary Gottlieb Steen & Hamilton 1,657
14 Linklaters 1,597
15 Orrick Herrington & Sutcliffe 1,441

TOPLEGAL REVIEW

Per ogni numero selezioniamo minuziosamente i temi che interessano davvero gli avvocati d'impresa.

Se conta, ne parliamo.

 

Sei già abbonato? Sfoglia la tua rivista


TopLegal Review edizione digitale
ENTRA | ABBONATI